07/05/2017 – Friuli. Sentiero Naturalistico di Osoppo. Oasi di Cornino

Proponiamo ai soci una facile escursione in Friuli lungo il percorso storico naturalistico di Osoppo con visita della fortezza e dei resti del castello dei Savorgnan per poi spostarci per la visita guidata nella riserva naturale regione del lago Cornino.
PARTENZA: con pullman da Padova via autostrada per Venezia, Udine, Gemona. Da qui per SR 463 ad Osoppo nella zona del parco del Rivellino nei pressi della sede del Cai di Osoppo da dove inizierà la ns. escursione.
ITINERARIO: il percorso, segnavia Cai 720, inizia su strada asfaltata verso Nord sotto le pendici del Forte di Osoppo, all’esterno dei bastioni del Rivellino (quota 180 m). In corrispondenza della cabina elettrica si trova un bivio dove si gira a sinistra quindi al successivo si gira a destra e si prosegue fino ad incrociare una stradina sterrata. Verso sinistra conduce sotto alla pendice più settentrionale del Forte, ad incrociare una strada asfaltata. A questo incrocio, sulla sinistra prendere la strada ciottolata e sterrata, risalente all’epoca romanica, che sale al Forte. Lasciare a destra i segnali che scendono lungo i cipressi e salire portandosi sulla strada principale, asfaltata, che sale al Forte. Risalirla fino al piazzale antistante la chiesa di San Pietro (quota 285 m). Quindi si prosegue a destra attraverso un piccolo prato e poi su una stradina incassata nella roccia (possibilità di visitare insediamenti militari, portare una torcia), fino all’interno delle mura del vecchio castello dei Savorgnan. Passando a lato delle sue rovine, si giunge al piazzale, caratterizzato da un’ampia spianata di cemento. Proseguire attraverso il tunnel artificiale che parte proprio sotto la passerella metallica per proseguire attraversando tutte le rovine del castello passando in gallerie e corridoi fino a raggiungere la parte opposta. Qui giunti, prima della stradina principale, sulla destra il sentiero scende ripido ed in parte con gradini, fino alla casa del Tamburo e al piazzale chiamato Piazza d’armi (quota m 280). Prosegue poi lungo la scalinata dal lato opposto al piazzale attraverso i ruderi della vecchia casa del Comandante Veneto, e sale verso il palo della bandiera che è il punto più alto del Forte e del percorso, (quota 315 m). Si ridiscende lungo la via di salita fino al primo tornante dopo il Corpo di guardia, dove il filare di cipressi lascia la strada. Il percorso continua a scendere lungo la stradina sterrata fino ad un bivio dove a sinistra incrocia una stradina ciottolata. Si intravedono a destra alcune rovine di stazioni della Via Crucis e a sinistra il panorama del borgo originario del paese ricostruito dopo il terremoto. Si continua in via Tagliamento fino al dosso, dove a sinistra, attraverso un cancello si accede all’interno dell’area ricreativa detta della Colonia (quota 190 m). Passato attorno alla pista di pattinaggio, in fondo alla stessa si gira a destra, costeggiando il campo di calcio fino sotto l’argine a incontrare una traccia che lo risale. Attraversa un ampio prato, poi a sinistra segue la stradina che costeggia il metanodotto e su questa raggiunge le pendici del colle di San Rocco. Sulla sinistra, imbocca il sentiero attraversando un ponticello e salendo una lunga scalinata con ampia vista sul greto del fiume Tagliamento. Giunto in cima il sentiero gira a sinistra e costeggia una insidiosa scarpata, poi scende qualche metro su di uno scosceso passaggio per poi risalire subito ed in breve tempo, attraverso una fitta boscaglia, raggiunge un magnifico punto di osservazione caratterizzato da un bel muretto di sassi (quota 255 m). Da qui prosegue in cresta verso Sud e poi scende in una gola sul fondo della quale gira a destra fino ad incontrare, sulla sinistra, una traccia che risale ripida sulla cresta del Colle (quota 265 m). Da qui prosegue con continui saliscendi fino in cresta per attraversare tutto il Colle fino a scendere decisamente verso la piccola chiesa di San Rocco e l’annesso rudere dell’antico eremo. Lascia a destra la stalla sociale ed all’incrocio successivo, imbocca Via Peonis quindi Via San Daniele. Ora gira a sinistra e continua su Via San Daniele fino all’incrocio con via Fabris, a sinistra e poi subito a destra per Via Moscovita fino al campo sportivo che lascia alla nostra destra, per percorrere via Arduino Forgiarini fino ad arrivare alla sede Cai (quota 180 m). Difficoltà: T – Turistico. Dislivello salita e discesa mt. 200. Tempo: ore 3:00. Km. 9,3.
Sosta pranzo libero.
Nel primo pomeriggio ci spostiamo con il pullman da Osoppo a Cornino per la visita guidata alla Riserva Naturale Regionale del Lago di Cornino che è stata istituita con legge regionale nel 1996. Al suo interno è stato avviato con successo il progetto di reintroduzione dell’avvoltoio Grifone. La Riserva è gestita dal Comune di Forgaria nel Friuli, che si avvale della collaborazione operativa della Pavees Soc. Coop. e del sostegno finanziario della Regione FVG. Nelle sue vicinanze è possibile visitare il Lago di Cornino, piccolo specchio d’acqua di origine carsica, da cui la riserva prende il nome. L’ambito naturalistico confina con il maestoso fiume Tagliamento, ultimo fiume libero d’Europa, per cui è soggetto a diversi studi sulla flora e sulla fauna locale. Presso il centro visite e nei paraggi è possibile osservare diverse specie di animali.
Il percorso guidato prevede la visita alla sala didattica dove attraverso l’ausilio di pannelli e teche espositive vengono introdotti gli aspetti fondamentali della riserva. A seguire, la visita alle voliere per osservare dal vivo quello che abbiamo imparato sugli uccelli e l’escursione lungo un sentiero di facile percorribilità sulle sponde del Lago di Cornino. Difficoltà: T – Turistico. Tempo: ore 2:30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.



Copyright © 2018 Cral Araba Fenice - Araba Fenice CRAL Monte dei Paschi di Siena in Padova.
| MyCralaraba WordPress Theme

Per continuare ad utilizzare questo sito bisogna accettare l'utilizzo dei cookies. maggiori informationi

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu accetti l'utilizzo dei cookies.

Chiudi