10-11/02/2018 – Week-end con sci o ciaspole in Comelico

Proponiamo un week-end per SCIATORI e CIASPOLATORI in Alto Comelico.

Il sabato e la domenica si potrà sciare sulle piste del comprensorio sciistico Tre Cime (monte Elmo Croda Rossa e val Comelico).

Il sabato i ciaspolatori traverseranno da passo di Monte Croce di Comelico per sella del Quaternà, col Rosson, Col della Spina scendendo a a Dosoledo e a Padola mentre la domenica da Val Fiscalina salita a l rifugio Locatelli. Campitelo di Casada. Le ciaspolate saranno organizzate dalla guida alpina Alex Piverotto.

Si pernotterà allo Sport Hotel *** via Milano, 10 a Padola.

Sabato 10 febbraio 2018. partenza alle ore 6.30 dalla sede del CRAL in via Transalgardo, 2 a Padova, con pullman riservato, per raggiungere via autostrada Longarone. Sosta per la colazione. Da qui per statale d’Alemagna a Santo Stefano di Cadore. Dosoledo, Passo Monte Croce di Comelico dove saranno lasciati i ciaspolatori. Il pullman proseguirà per Sesto Pusteria e agli impianti sciistici di Monte Elmo.

https://www.trecime.com/it/prezzi-info/in-inverno/skipass-tre-cime-dolomiti.html

https://www.trecime.com/it/le-attivita/in-inverno/giro-delle-cime.html

SCIATORI: giornata sulle piste di Consorzio impianti Tre Cime Costo skipass: Adulti giornaliero € 53,00 mezza giornata € 41,00 Senior (nati prima del 25.11.1952) giornaliero € 47,50 mezza giornata € 37,00 Junior (nati prima del 25.11.2001) giornaliero € 37,00 mezza giornata € 29,00 Bambino nati dopo il 25.11.2009 GRATUITO.

CIASPOLATORI: Dal passo di Monte Croce Comelico mt. 1636 si inizia a salire sul sentiero 131, comoda e larga strada; subito dopo un paio di tornanti, accanto ad un cartello che indica il Biotopo naturale della zona, vi è una prima deviazione che consente su ottimo sentiero ben tracciato di tagliare via qualche tornante e salire verso il Col de la Croce dove si giunge dopo circa 20 minuti ad un trivio mt. 1735 dove si prende a destra il sentiero con il segn.149 che porta in salita a malga Coltrondo mt.1.879. Da malga Coltrondo si prosegue verso S-E contornando la testata della valle di San Valentino lungo una forestale arrivando dopo un km a casera Rinfreddo mt. mt. 1887. Da qui proseguiamo in salita dentro la folta abetaia raggiungendo a mt. 2.053 il bivio de La Ponta dove si lascia il sentiero 149 per imboccare il sentiero 173 che rimonta su strette serpentine su tracciato di vecchia strada militare fino alla sella Quaternà mt. 2.379. Da qui seguiamo verso sud il sentiero 148 che lungo la cresta porta prima sotto il Col della Crodatta mt, 2310 e con saliscendi poi sul Col Rosson mt.2.305., Da qui scendiamo lungo la cresta del Costa della Spina fino quasi alla croce della Spina mt. 1967 da dove scendiamo nel versante occidentale che guarda su casera Campobon. Scendiamo per il pendio a raggiungere casera Campobon e da qui seguendo il sentiero 149 incrociamo il sentiero 150 che in discesa ci porta i località Nollere e al paese di Dosoledo. Seguiamo la strada statale per un breve tratto verso Padola. Scendendo a sx a raggiungere la Stua ( storico sbarramento sul torrente per far defluire a valle i tronchi d’albero) e con breve salita raggiungiamo l’abitato di Padola ed il nostro Hotel. Difficoltà EAI. Dislivello in salita mt. 750 in discesa mt. 1150 Tempo ore 6.30.

Domenica 11 febbraio 2018. Dopo colazione in hotel partenza con il pullman per Sesto Pusteria. Si lasciano gli sciatori agli impianti di risalita e col pullman ci si porta in Val Fiscalina per la ciaspolata.

CIASPOLATORI: dal parcheggio della Val Fiscalina mt. 1454 si segue la valle incrociando le piste da fondo per circa 2 km fino a raggiungere Capanna di Fondovalle mt.1548 Da qui si imbocca la val Araba Fenice Veneto www.cralaraba.com – e-mail: cralaraba@gmail.com fax 049 8252422 Sassovecchio che nella prima parte si sale seguendo il fondovalle poi si guadagna quota sulla destra ai piedi della Lavina Bianca. Superato il primo tratto segnato da un grosso masso squadrato detto Ehem Kalkofel mt. 2025, visibile sin da più sotto, la salita si addolcisce aprendo la vista sull’Ape dei Piani. Si supera la soglia rocciosa aggirando ai piedi del Crodon di San Candido la marcata incisione del rio Sassovecchio in direzione della Tore di Toblin. Raggiunti i grandiosi spazi ondulati dell’Alpe dei Piani mt.2314 si traversa sotto la Torre di Toblin andando a raggiungere il rifugio Locatelli/Innerkofler mt. 2405. Discesa per lo stesso percorso. Sosta per la bicchierata e raggiunto il pullman con gli sciatori si parte per il rientro a Padova.

Difficoltà: EAI Dislivello in salita e discesa mt. 950 . Tempo ore 6,00. Km. 13,5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



Copyright © 2018 Cral Araba Fenice - Araba Fenice CRAL Monte dei Paschi di Siena in Padova.
| MyCralaraba WordPress Theme

Per continuare ad utilizzare questo sito bisogna accettare l'utilizzo dei cookies. maggiori informationi

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu accetti l'utilizzo dei cookies.

Chiudi